Home / Economia / Norges Bank è il primo socio forte di BancoBpm

Norges Bank è il primo socio forte di BancoBpm

E’ scattata l’ora X per BancoBpm. Dopo il debutto in borsa, con un pacchetto scambiato pari al 15% del capitale, si conoscono i primi soci che hanno partecipato alla scalata.

Ieri l’arrivo delle comunicazioni alla Consob per chi detiene oltre il 3% del nuovo istituto. Primo socio forte a fare il suo ingresso in BancoBpm è Norges Bank con il 3,64%. La partecipazione del colosso arriva direttamente dalle due ex popolari. Il fondo sovrano della Norvegia deteneva, infatti, una quota del 2,84% in Banco e del 2,97% in Bpm.

Per quanto riguarda, poi, i grandi soci del Banco, c’è ancora attesa. Soprattutto per quanto riguarda i movimenti di Sandro Veronesi di Calzedonia e della famiglia Bauli. Ferme, invece, le fondazioni di CariLucca e CariVerona.
Di certo c’è che dall’inizio dell’anno BancoBpm ha guadagnato il 23%. Un debutto che fa ben sperare sul futuro, considerando che anche ieri è stato il miglior titolo in borsa.

Dalla sua, il terzo istituto italiano, ha un giudizio positivo su crediti deteriorati. Secondo BofA Merril Lynch, infatti, il gruppo possiede una copertura nella media del settore e un piano di riduzione degli Npl, peraltro approvato dalla Bce, raggiungibile.

Gli occhi, ovviamente, sono tutti puntati su quella che è la prima grande fusione tra popolari ormai al rush finale. E non a caso c’è attesa per capire quali soci la conquisteranno. E, quindi, se saranno in grado di costituire un Gruppo solido e stabile.

Ad aiutare BancoBpm ci sono i giudizi positivi di numerose case d’affari come Equita.

Innegabile è il fatto che parliamo della terza banca del Paese, con 4 milioni di clienti, 2500 filiali, 25mila dipendenti, 171 miliardi di attivi e una quota di mercato nazionale dell’8%.

Senza dimenticare che ha una presenza massiccia al Nord (Lombardia 15%, Piemonte 12,5%, Veneto 9,5%) sul quale può ancora recuperare più di qualcosa.

Guarda altro

Fiducia sul decreto delle Venete

Venete, la risposta dal Governo arrivata ieri Alla fine è arrivato il giorno del verdetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *