Home / Economia / Banche, tutti contro le norme di Basilea 4

Banche, tutti contro le norme di Basilea 4

Levata di scudi contro Basilea per patrimonializzazione banche

E’ proprio il caso di parlare di globalizzazione. Sì perché tutto il mondo bancario, da una parte all’altra dell’emisfero, ha alzato gli scudi contro Basilea 4. Ciò che più preoccupa è l’irrigidimento delle regole sullo stato di patrimonializzazione. Di certo non c’è ancora nulla, ma a giudicare dalle raccomandazioni che arrivano, c’è almeno il sentore di qualcosa di vero. Avevano iniziato per tempo le banche americane e canadesi. Poi la raccomandazione di Daniele Nouy, presidente del comitato di vigilanza della BCE, fino alle dichiarazioni di casa nostra con il direttore generale di ABI, Giovanni Sabatini. Proprio da via Nazionale è arrivato il monito. “L’importante è non creare significativi aumenti nelle richieste di capitale delle banche per gli effetti pro ciclici che possono avere e per il ruolo che le banche hanno nel finanziamento all’economia”.

Il mandato del G20 prevedeva un’armonizzazione delle norme che portano a calcolare il capitale delle banche, ponderato per il rischio. Ma Basilea è andata ben oltre, entrando a gamba tesa al cuore delle banche. Il rischio è che venga richiesto un aumento di patrimonio intorno agli 850/900 miliardi, a cui vanno ad aggiungersi i requisiti per le 30 maggiori banche al mondo e le regole fiscali. Per un totale di 1.300 miliardi. E parliamo solo delle banche europee.

Calando il quadro sull’Italia, significherebbe che le banche avrebbero meno mano libera per finanziare le PMI. Anche se il rischio non è solo nostro. L’unico spiraglio è rappresentato dalle regole che prevedono accantonamenti più bassi per le banche che concedono prestiti alle imprese (Sme supporting factor). Ma messi sul piatto della bilancia, il confronto non regge.

Il rischio è che nel momento in cui si assiste ad una seppur leggera ripresa, queste norme diventino un macigno. E che blocchino ancora l’economia.

Guarda altro

Fiducia sul decreto delle Venete

Venete, la risposta dal Governo arrivata ieri Alla fine è arrivato il giorno del verdetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *