Home / Economia / Alitalia pronta a riprendere quota

Alitalia pronta a riprendere quota

Ancora soldi per risollevare Alitalia, che intanto perde 500mila euro al giorno

Mezzo miliardo per risanare Alitalia e farle riprendere quota. Alle porte del nuovo piano industriale c’è una ristrutturazione che prevede tagli dei costi di 160milioni solo nel 2017. Ieri il primo consiglio di amministrazione con Federico Ghizzoni, new entry in Alitalia, ma volto ben conosciuto nel mondo bancario, in qualità di presidente del comitato parti correlate. L’operazione di ristrutturazione costerà non poco, almeno mezzo miliardo, appunto. Circa 300 milioni ce li dovrebbe mettere Etihad, mentre il resto proverrà dalle banche.

Alitalia al momento perde circa 500 mila euro al giorno e certo gli animi non navigano in acque tranquille. Da qui nasce il piano che l’ad Cramer Ball ha illustrato ieri in consiglio.

Personale in allarme, certo, ma per il momento la compagnia non ha parlato di esuberi. I tagli sarebbero infatti previsti su voci già individuate.

Sull’argomento, pochi giorni fa, era intervenuto anche il ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda: “Alitalia è stata gestita oggettivamente male ed è inaccettabile che una gestione non buona venga ribaltata sui lavoratori”. Touché. Il clima, comunque, resta teso.

Lo stesso Montezemolo, presidente di Alitalia, ha risposto stizzito alle uscite di Calenda, ed anche se rimane sul vago quanto al progetto di rilancio, gli esuberi non li ha esclusi. La concertezione con i soci forti, Etihad, ma anche Unicredit e Intesa Sanpaolo, proseguono, e non è stato facile far digerire a tutti l’accordo per il rifinanziamento.

Sindacati sulle barricate. Per ora si è proceduto “solo” al congelamento degli scatti salariali. Ma la scure di 1500 esuberi è ancora pendente. Sul tavolo restano i problemi legati ad ammortizzatori sociali e al fondo di solidarietà. Senza un percorso serio per il rinnovo del contratto nazionale, Filt Cgil, Fit Cisl e Ugl trasporto aereo sono pronti a proclamare lo sciopero. Dunque, “niente toni trionfalistici”, per dirla con Calenda.

 

 

Guarda altro

Fiducia sul decreto delle Venete

Venete, la risposta dal Governo arrivata ieri Alla fine è arrivato il giorno del verdetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *